image/svg+xml

Sicilia d’inverno: Etna, Taormina e Savoca

Catania, Etna, Savoca, Taormina,

SIC06 4g 1200m 3

Circuito di Trekking Sicilia d’inverno tra Etna, Taormina e Savoca – Natura e Cultura

La Sicilia è conosciuta per essere la terra del sole e del mare, meta irrinunciabile per le vacanze estive grazie alle sue splendide spiagge. Ma visitare la Sicilia in inverno è davvero un’esperienza unica: tra distese di macchia mediterranea e folti boschi e pinete, il suo verde invernale è eccezionale per chi desidera immergersi nella natura.

Inoltre, l’Etna innevato regala scorci paesaggistici che in nessun altro luogo è possibile catturare. Montagna e mare che si fondono in un unico quadro dai colori caldi e freddi. Senza contare l’opportunità di visitare meravigliosi borghi senza la ressa tipica della stagione estiva!

Il nostro circuito di Trekking accompagnato, infatti, ci porterà in alto sull’Etna per godere della maestosità del vulcano ornato da candida neve, e poi giù nel borgo medievale di Savoca, ed infine al mare alla scoperta di Taormina e Catania e delle loro bellezze naturali e architettoniche.

Questo circuito seguirà un ritmo lento per permettere all’escursionista una vera immersione nel territorio anziché la classica “toccata e fuga”. Perfetto sia per gli appassionati della ciaspolata, sia per chi desidera unire natura e cultura.

Tre giorni di Trekking sull’Etna tra boschi incantati e nere colate

Viaggeremo sul versante nord dell’Etna alla scoperta dei Monti Sartorius e dei loro suggestivi boschi di betulle bianche. Un itinerario panoramico che ci porterà tra terra brulla, “bombe” vulcaniche e sprazzi di verde, ad osservare da vicino la bottoniera creatasi nel 1865.

Un cammino costellato dalla rada vegetazione che cerca con timidezza di riappropriarsi dell’area e che diviene più folta via via che ci inoltriamo nei magici boschi. Odori e suoni della montagna accompagnano l’escursionista in una esplorazione lenta e gradevole del territorio in un’esperienza di Trekking nella quale è possibile ammirare la potenza del vulcano unita alla quiete della flora circostante.

Tutt’altre sensazioni ci regalerà la seconda giornata di Trekking sull’Etna: un giro a Piano Provenzana ci mostrerà con grande impatto quanto possa essere distruttiva e vorace un’eruzione straordinaria come quella del 2002. Altre tappe del nostro viaggio alla scoperta dei tesori naturali dell’Etna saranno la Grotta dei Lamponi e la Grotta Schadlish che, con le loro incantevoli gallerie, ci culleranno in una camminata suggestiva.

Taormina, Savoca e Catania: perle tutte da scoprire

Dopo tre giorni di Trekking sull’Etna, non paghi di emozioni irripetibili, ci avvieremo verso le deliziose città di Taormina e Savoca.

Questi stupendi borghi sapranno accogliere l’escursionista con le loro bellezze naturali e architettoniche, i suggestivi punti panoramici e le deliziose peculiarità enogastronomiche.

Un giro invernale è, inoltre, il modo migliore per apprezzare questi luoghi in genere presi d’assalto dai turisti. Con il gradevole clima mediterraneo ad accompagnarci potremo esplorare questi meravigliosi borghi e i loro tesori in tutta tranquillità e godere appieno di ciò che hanno da offrirci.

Infine, una giornata a Catania per rilassarsi e godere della bellezza del suo patrimonio barocco.

Scopri il circuito accompagnato di Trekking “Sicilia d’Inverno: Etna, Taormina e Savoca”

Un tour guidato per gli amanti del Trekking e per chi desidera visitare città d’arte. Perfetta unione di natura e cultura, questo circuito è stato studiato per far scoprire ciò che di meglio la Sicilia ha da offrire!

Giorno 1 - Catania

Catania: città da scoprire

Arrivo all’aeroporto di Catania e incontro con la guida in hotel.

In base all’orario di arrivo, l’escursionista avrà la possibilità di visitare in autonomia questa città caratteristica per le costruzioni in pietra lavica e il meraviglioso centro storico dalle architetture barocche. Inoltre, Catania vanta un’accesissima movida e numerose attrattive per una piacevole serata.

Cena in ristorante e notte in hotel.

Trekking in Sicilia. Escursionisti sull'Etna

Giorno 2 - Etna Nord

Etna Nord Monti Sartorius: tra nivee betulle e panorami mozzafiato

Colazione in hotel e partenza per il vulcano Etna. Qui arriveremo allo chalet in cui ci sistemeremo.

Il nostro circuito di Trekking sull’Etna ha inizio sul versante nord della montagna, una delle aree più belle dal punto di vista paesaggistico e geologico grazie alla sua suggestiva flora e alla presenza di crateri dall’indubbio fascino. Tra questi, i crateri dei Monti Sartorius che devono il loro nome a uno dei primi scienziati che cercò di catalogare i fenomeni vulcanici dell’Etna. Questi sette crateri, formatisi con l’eruzione del 1865, creano una bottoniera desolata sulla quale è possibile notare la vegetazione che cerca di farsi strada per riappropriarsi dell’area inondata dalla colata lavica.

Il paesaggio del Primo Monte regalerà all’escursionista un’autentica sensazione di meraviglia grazie alla presenza di bocche effusive e materiali piroclastici ben visibili che rendono ancora vivo l’evento eruttivo di più di un secolo fa.

Inoltre, ci inoltreremo nel rigoglioso bosco dalle bianche betulle. Una specie particolare e apprezzabile solo in questa zona la betulla aetnensis: il suo colore candido dona al paesaggio un sentore nordico, in netto contrasto con il panorama che abbraccia il Mar Ionio fino alla Calabria.

Rientro in chalet per la cena e il pernottamento.

Dislivello: +300/-300
Tempo: 4h30
Trekking in Sicilia. Escursionisti sull'Etna

Giorno 3 - Piano Provenzana e la Grotta dei Lamponi

Piano Provenzana e Grotta dei Lamponi: la potenza del vulcano

Colazione in chalet.

Il nostro giro di Trekking odierno partirà alla volta di Piano Provenzana, un’area che comprende la più importante stazione sciistica del versante nord dell’Etna e che nel 2002 ha subìto la violenza del vulcano con un’eruzione tra le più esplosive degli ultimi decenni.

Il fenomeno e il terremoto ad esso correlato hanno distrutto la maggior parte dell’area creando un’immensa frattura che percorreremo per poter vedere i crateri a bottoniera formatisi. Da qui il cammino procederà fino a Timparossa per poi prendere l’altomontana che ci condurrà alla stupenda Grotta dei Lamponi.

Questa grotta a scorrimento lavico dalle suggestive gallerie prende il nome dai rigogliosi cespugli di lamponi che ornano il suo ingresso ed è una delle tappe più affascinanti del versante nord. Il tunnel offre all’escursionista non solo la sensazione di trovarsi all’interno del vulcano, ma anche la magia di un luogo forgiato dal tempo e dalla natura.

Superata la Grotta dei Lamponi, ci inoltreremo in una delle bellissime pinete seguendo il sentiero che ci riporterà allo chalet e ci fermeremo in questo angolo di paradiso per il pranzo a sacco immersi nel verde.

Rientro in chalet per la cena e il pernottamento.

Dislivello: +600/-600
Tempo: 6h
Etna eruzione

Giorno 4 - Case Pirao e Grotta Schadlish

Case Pirao e Grotta Schadlish: tra hornitos e faggete

Colazione in chalet e trasferimento in minibus per Case Pirao, nel territorio di Randazzo.

La quarta giornata del nostro circuito di Trekking sull’Etna inizia proprio da qui. Ci incammineremo alla volta di Monte Spagnolo per un sentiero caratterizzato da monumentali faggete, stupendo esempio di natura selvaggia e incontaminata.

In quest’area avremo anche modo di ammirare diversi Hornitos creatisi con la colata del 1981, nota anche come “Eruzione di Randazzo” per via della seria minaccia che l’evento costituì per la città etnea.

Giungeremo alla Grotta Schadlish, l’ultima scoperta tra i cunicoli dell’Etna, un tunnel a scorrimento lavico lungo circa 112 metri rinvenuto solo nel 2000. Da qui ci incammineremo verso il delizioso Rifugio Monte Santa Maria realizzato in pietra lavica nel quale si potrà consumare il pranzo a sacco.

Rientro con il minibus in chalet per la cena e il pernottamento.

Dislivello: +450/-450
Tempo: 5h

Giorno 5 - Taormina

Taormina: una perla incastonata tra cielo e mare

Colazione in chalet e trasferimento in minibus per Taormina.

Sistemazione in hotel e visita libera del borgo per una giornata di pieno relax. Taormina, Perla del Mediterraneo, incanta per la sua unione armoniosa tra terra e mare.

Passeggiare tra i vicoli del borgo medievale permette di apprezzare appieno le ricche architetture, arrivando fino al punto panoramico di Piazza IX Aprile dal quale si abbraccia con un solo sguardo l’Etna, la baia di Naxos e il Teatro Greco. Ed è proprio visitando il teatro che si mette piede in un pezzo di storia ellenica adornato da un magnifico panorama.

Pranzo leggero in ristorante.

L’escursionista potrà inoltre godere anche del pomeriggio per esplorare in tutta libertà i vicoli del borgo, le attrattive irrinunciabili come una passeggiata nel verde della Villa Comunale (altro stupendo punto panoramico), oppure visitare la rinomata spiaggia di Isola Bella.

Cena in ristorante e notte in hotel.

Giorno 6 - Savoca e Taormina

Savoca e Taormina: alla scoperta dei borghi siciliani

Partendo da Taormina dopo la colazione, ci avvieremo verso Savoca. Questo borgo d’arte medievale di origine saracena che offre non solo grande ricchezza di monumenti religiosi e civili ma anche diversi suggestivi punti panoramici che gli sono valsi il nome di “borgo dalle sette facce” suggerito da Sciascia. Savoca è, inoltre, inserito nel circuito dei “Borghi più belli d’Italia” ed è stato il set cinematografico del film pluripremiato “Il Padrino”.

Questo borgo situato su un colle roccioso adornato a valle da profumati agrumeti e rigogliosi vigneti e uliveti, è una tappa irrinunciabile per chi desidera cogliere il lato più antico e autentico della Sicilia contadina. Inoltre, la sua grande influenza in epoca normanna lo vede come una importante testimonianza storica, con le sua vestigia medievali, rinascimentali e infine barocche.

Una visita al Convento dei Cappuccini è d’obbligo poiché in esso si trovano numerose opere di grande valore storico e culturale e per la presenza della cripta nella quale sono conservati i corpi mummificati di aristocratici locali.

Pranzo in ristorante dopo il quale faremo una sosta al bar Vitelli, famosa ambientazione del film “Il Padrino”.

Rientro a Taormina, cena in ristorante e notte in hotel.

Giorno 7 - Catania

Catania: tra costruzioni in pietra lavica e autentico barocco

Colazione in hotel e trasferimento in minibus privato per Catania. Sistemazione in hotel.

Con una guida qualificata faremo un tour del centro alla scoperta del patrimonio artistico e culturale della città ai piedi dell’Etna. Il centro storico di Catania, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, è un’autentica espressione del barocco siciliano ed è anche ricca di costruzioni in nera pietra lavica.

La Piazza Duomo con le sue stupende Fontana dell’Elefante e Fontana dell’Amenano e con la Cattedrale di Sant’Agata, è sicuramente il vero centro del capoluogo etneo e tappa irrinunciabile per chiunque si trovi a visitarlo.

Dopo il pranzo in ristorante, l’escursionista potrà esplorare la città etnea in totale autonomia per godere dei monumenti che sono di suo maggior interesse e per gustare le delizie gastronomiche siciliane come l’arancino o la granita.

Cena libera, notte in hotel.

Catania Aeroporto

Trasferimento in aeroporto, fine dei servizi.

Lascia la tua recensione

Lascia la tua recensione

messaggio